logo
Area Riservata

Lingua e Linguistica Italiana

Prof.ssa Teresa Agovino   |   L-FIL-LET/12 – 8 CFU

L’insegnamento ha l’obiettivo di fornire allo studente conoscenza e competenza nell’ambito della storia della lingua italiana dalle origini ai giorni nostri; della linguistica italiana livello base e delle derivazioni e dei mutamenti fonetici dal latino all’italiano; infine, della linguistica applicata alla legislatura delle regioni a statuto speciale. Si presterà particolare attenzione alla questione della lingua e ai calchi/prestiti da lingue straniere in italiano e nel dialetto napoletano. Particolare attenzione, infine, verrà riservata al miglioramento del lessico e della sintassi della lingua italiana (scritta e orale), come base e supporto degli insegnamenti di lingua straniera.  In tal modo si otterrà una visione complessiva, sincronica e diacronica, del problema della lingua italiana e delle sue traduzioni in altre lingue.

Il corso verrà erogato in modalità frontale. L’attività didattica viene così distribuita: sono previsti due moduli divisi in due lezioni frontali a settimana della durata di due ore per la linguistica e tre per la lingua italiana.

Il modulo di linguistica è volto a introdurre la storia della lingua e della linguistica in Italia, con tutti i problemi relativi alla formazione dell’italiano scritto e parlato e di una lingua standard non letteraria, dopo l’unificazione nazionale. Si coprirà l’intero arco temporale relativo al problema della lingua, da Dante fino a Pasolini e i mass media, chiudendo con la linguistica applicata alle Regioni a statuto speciale e il problema del bilinguismo. Il secondo modulo di linguistica, più tecnico, prevede una panoramica che, partendo dalla competenza del parlante e dalle funzioni della comunicazione verbale, arrivi fino alla formazione del lessico dal latino all’italiano con elementi di fonetica articolatoria e grammatica storica dell’italiano e dei dialetti regionali con particolare attenzione ai calchi e prestiti nella lingua italiana dalle origini ad oggi.

Il modulo dedicato alla lingua prevede invece esercitazioni di italiano scritto (tema, racconto, saggio critico con note e citazioni, articolo di giornale, ecc) e orale (dibattito, lettura, ecc). Gli elaborati migliori prodotti durante le esercitazioni verranno pubblicati sul sito della Scuola. Particolare attenzione verrà inoltre dedicata al lessico tecnico e scientifico, in supporto agli insegnamenti di lingua straniera. In questo modulo si prevede anche una visita guidata in biblioteca volta ad apprendere i metodi di ricerca bibliografica.

Durante il corso verranno forniti i materiali necessari allo studio dei singoli moduli in fotocopia o file pdf da scaricare.

Obiettivi formativi:

Conoscenza della storia della lingua e dee mutamenti fonetici nella lingua italiana

Miglioramento nell’esecuzione di prove scritte e orali

Avviamento alla ricerca bibliografica

Miglioramento nel lessico e nella sintassi

Contenuti:

Modulo 1: Il problema della lingua italiana da Dante a Pasolini e i mass media. Calchi e prestiti. Il purismo e la questione della lingua.

Modulo 2: La formazione dell’italiano dal latino. Elementi di fonetica articolatoria e di grammatica storica dell’italiano e dei suoi dialetti.

Modulo 3: La lingua italiana applicata a scrittura e oralità. Lessico, sintassi, dibattiti orali. Visita guidata in biblioteca.

E’ prevista una prova di verifica scritta in itinere. La prova consisterà in un saggio critico contenente citazioni e note bibliografiche incentrato sulla lettura di un testo a scelta, definito all’inizio del corso. Ne verrà comunque data anticipatamente comunicazione agli studenti. Dopo la prova verrà dedicata una lezione alla correzione e analisi del lavoro svolto dagli studenti, al fine di migliorare in corso d’opera qualsiasi debolezza o lacuna dovesse presentarsi.

La prova finale (orale) si propone di valutare tutte le competenze acquisite dallo studente durante il corso.

Nella valutazione finale è richiesta allo studente la capacità di impostare un discorso analitico e critico coerente utilizzando i testi in programma, di raccogliere e analizzare i dati ricevuti o elaborati ex novo durante lo svolgimento delle lezioni, di sviluppare capacità autonome di interpretazione dei testi e di comprensione e analisi del problema della lingua italiana a livello sincronico e diacronico.

Lo studente che avrà intrapreso e superato un tale corso sarà in grado di avviare una ricerca scientifica (tesi di laurea o altro elaborato) sulla base di quanto appreso e analizzato in classe; di sviluppare capacità di esposizione delle conoscenze e dei problemi relativi alla lingua italiana tali da permettere un’analisi originale ed autonoma dei problemi legati alla lingua italiana e ai suoi dialetti, alle importazioni da altre lingue e alle traduzioni di testi italiani in lingua romanza o germanica.

  1. Claudio Marazzini, La lingua italiana. Profilo storico. Il Mulino, 2002.
  2. Un romanzo a scelta di autore italiano dell’Otto-Novecento (Manzoni, Calvino, Ginzburg, Pirandello, Levi,….) su cui verterà la prova intercorso.
  3. Alessandro Manzoni, scritti linguistici (questi ed altri testi verranno forniti direttamente dalla docente durante lo svolgimento delle lezioni in fotocopia cartacea e file pdf).